12 Giugno 2023

La memoria e i comportamenti ansiosi hanno un meccanismo comune

12 giugno 2023 – La formazione della memoria e lo sviluppo di ansia condividono alla base un meccanismo comune. A far luce è uno studio italiano che ha osservato i meccanismi con cui il sistema immunitario e il sistema nervoso centrale comunicano per regolare importanti funzioni cerebrali come l’apprendimento e i comportamenti ansiosi. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Communications, aprono nuovi scenari per malattie come l’Alzheimer. Utilizzando un modello sperimentale animale, il gruppo di ricerca, coordinato dal Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia dell’Università La Sapienza di Roma, ha scoperto che alcune popolazioni di cellule immunitarie risiedono stabilmente nelle meningi cerebrali (i linfociti Natural Killer e le cellule linfoidi innate di tipo 1). “Abbiamo visto – spiega la coordinatrice dello studio Cristina Limatola – che l’eliminazione selettiva di queste popolazioni cellulari dalle meningi del topo, attraverso la somministrazione di specifici farmaci, modifica alcuni comportamenti legati alla formazione della memoria non spaziale e all’ansia. Abbiamo descritto i meccanismi responsabili di questi effetti, identificando due diverse vie di segnalazione: una mediata dall’interferone gamma e l’altra dall’acetilcolina. Queste due molecole mediano la comunicazione tra cellule neuronali e i livelli di alcuni neurotrasmettitori nel cervello. In particolare, l’interferone-γ è coinvolto nella formazione della memoria non spaziale mentre l’acetilcolina regola i circuiti cerebrali coinvolti nell’ansia”. I risultati del lavoro aprono nuovi scenari nello studio delle vie di comunicazione tra sistema immunitario e sistema nervoso centrale. Una conoscenza approfondita dei meccanismi con cui si formano le memorie o si sviluppano comportamenti ansiosi può essere utile, inoltre, per la prevenzione o il trattamento di condizioni come l’Alzheimer, malattie psichiatriche o del neurosviluppo.

BACK
e-MemoryCare è patrocinato da Senior Italia FederAnziani.

Senior Italia FederAnziani

È inoltre sostenuto e promosso da SIN (Società Italiana di Neurologia), SINPF (Società Italiana di Neuropsicofarmacologia), FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale), SUMAI ASSOPROF (Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana e Professionalità dell’Area Sanitaria) e la FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche).

SIN SINPF FIMMG SUMAI ASSOPROF FNOPI
Ed è promosso da Up media&health.

up media&health